ASTEROIDI E COMETE

Noi ci guardiamo, il cielo ed io...   senza stancarci..

(di Daniele Bianchino)
... . . . .. . . .. . .. . ... .... .. . . . . . . . . . . . . ......


I corpi celesti solidi vaganti nel nostro sistema Solare e che non sono stati assorbiti nelle formazioni planetarie primarie vengono chiamati asteroidi. Sono in genere corpi compresi fra i 20 metri e una trentina di chilometri, irregolari, composti da roccia e a volte parti ferrose, orbitanti soprattutto nella cosiddetta "fascia principale degli asteroidi", una vasta area compresa tra le orbite di Marte e Giove. I Frammenti piu' piccoli di asteroidi vengono invece chiamati meteoroidi. Un meteoroide che cade nell'atmosfera terrestre diviene incandescente e luminoso: viene chiamato "stella cadente" o "meteora" o qualora fosse molto luminoso "bolide" o "superbolide"; questi ultimi possono essere accompagnati da intensi flash luminosi e intense detonazioni (booM sonico), capaci nei casi piu' gravi da produrre onde d'urto a terra che possono provocare danni. In genere il meteoroide si fonde e polverizza completamente attraversando l'atmosfera terrestre. Quando questo non accade, gli eventuali frammenti che arrivano a terra prendono il nome di "meteoriti". Gli asteroidi composti invece per lo piu' da vaste quantita' di ghiaccio e in minor parte da roccia vengono chiamati "Comete".. Le comete arrivano spesso dalle zone piu' lontane e fredde del systema solare, dalla fascia di Kuiper, oltre l' orbita di Plutone, o addirittura dalla piu' lontana Nube di Oort; Quando la loro orbita, spesso molto ellittica, si avvicina al Sole, i materiali di cui sono composte (biossido di carbonio, metano, acqua ghiacciata) sublimano, formando quella che conosciamo come "coda della cometa". Raramente, questi spettacolari corpi celesti, sono visibili anche dalla Terra. IL nucleo non piu' attivo di un antica cometa puo' essere considerato un asteroide. In questo paragrafo parlero' in maniera rapida e generica dei principali asteroidi e comete fin ora visti da vicino da sonde spaziali, per confrontarli e capire al meglio le loro dimensioni. Mi spiace immensamente che chi scopri' questi corpi con rudimentali telescopi non puo' ammirarli da vicino come noi oggi, perch nati in un epoca passata e completamente diversa..

. . . . . .

fascie di asteroidi ed orbite dei pianeti del systema solare. . . . . . Meteoriti ferrose A(Sikothe-alin) e Meteoriti rocciose B(Chondrite di Orvinio).


2005 Yu55:
Inizio con l'asteroide (308635) 2005 you55, un asteroide piuttosto pericoloso di circa 365 metri di lunghezza, che nel novembre 2011 passato a 0,85 distanze Lunari, quindi piu' vicino della distanza Terra-Luna. Il fatto che sia considerato "pericoloso" non vuol dire necessariamente che un giorno impattera' sulla Terra, ma comunque da tenere sotto controllo viste le sue future orbite ravvicinate con il nostro pianeta, che si spera, non avranno mai variazioni. 2005 yu55 stato scoperto solo 6 anni prima del suo incontro ravvicinato con la Terra; questo ci fa capire quanto questi corpi possano essere realmente pericolosi e imprevedibili. E' stato calcolato che l'impatto con questo asteroide avrebbe causato un cratere di 6,2 Km di diametro e un terremoto di 7.0 richter. Distruzione nel raggio del centinaio di Km, una catastrofe umana, ma non la fine del pianeta. Questo corpo non stato mai visitato direttamente da una sonda spaziale, ma stato fotografato e studiato dai radar di Goldstone, Arecibo, Very Long Baseline Array e il Green Bank Telescope.



LUNE DI ASTEROIDI
Le lune sono satelliti tipici dei pianeti piu' grandi, ma pochi sanno che anche alcuni asterodi posseggono delle lune in orbita attorno ad essi. La prima luna di un asteroide stata confermata nel 1993; era Dactyl, luna del grande asteroide Ida (che potete vedere confrontato con gli altri asteroidi nelle immagini finali). Da sinistra 1994CC (700 metri) e le sue due lune di 50 metri circa; 1998QE2 (2.7 Chilometri) e la sua luna (600 metri); 2004DC (360 metri) e la sua luna (70 metri) e per finire, nell' estrema destra, BL86 (325 metri), con la sua Luna di circa 70 metri.


ITOKAWA:
L'asteroide 25143 Itokawa, il piu' piccolo asteroide raggiunto da una sonda (sebbene ci siano centinaia di asteroidi piu' piccoli di lui);
Itokawa un asteroide di circa 500 metri di lunghezza, bilobato, con forma simile al "fagiolo" e probabilmente formato da due corpi fusi tra loro.
Itokawa stato raggiunto e studiato dettagliatamente dalla sonda Hayabusa nel 2005, mostrando una superficie priva di impatti, ruvida e piena di asperita.'


HARTLEY 2:
103P Hartley 2, una cometa di 2 km di lunghezza, 4 volte piu' grande dell'asteroide Itokawa. E' una cometa periodica e la sua orbita interseca l' orbita di Giove fino ad avvicinarsi molto alla Terra. Ha una forma allungata e bilobata ed è stata osservata da vicino nel 2010 dalla sonda della Nasa Deep Impact che ha mostrato molto bene la sua chioma composta da luminosi getti di anidride carbonica, particelle di ghiaccio in sospensione e vapore acqueo che fuoriescono dal nucleo cometario.




67/P Churyumov-Gerasimenko:
Su questa affascinante cometa, anch'essa bilobata, appena giunta la sonda Rosetta che la seguira' per tutto il 2014 per poi atterrare su di essa e seguirla nel 2015 nella sua orbita attorno al Sole. La Cometa ha un diametro di circa 4 km.








TEMPEL 1:
9P Tempel una Cometa periodica di 7,6 x 4,9 Km isitata nel 2005 dalla sonda Deep Impact della NASA, che ha colpito il nucleo cometario con un proiettile impattatore, e nuovamente visitata nel febbraio 2011 dalla sonda Stardust nell'ambito della missione Stardust-NExT. NeL materiale espulso stata rivelata la presenza di silicati, carbonati, smectite, solfuri metallici, carbonio amorfo, idrocarburi policiclici aromatici e ghiaccio d'Acqua.


HALLEY:
La Cometa 1P/Halley una delle piu famose e luminose comete periodiche che si conoscano. Proviene, come altre comete, dalla Fascia di Kuiper, a intervalli di circa 70 anni. I suoi passaggi sono stati segnati nelle cronache storiche, gia' parecchi millenni prima di Cristo. Dopo i passaggi del 1835 e del 1810 l'ultimo passaggio avvenuto nel 1986, e il prossimo cadra' nel 2062; La cometa stata fotografata da vicino dalla sonda Giotto dell' ESA il 13 Marzo 1986. Le immagini hanno mostrato che il nucleo della cometa formato da un corpo scuro a forma di arachide di 15 km per 10 km. Solo il 10% della superficie era attiva, con tre violenti getti nel lato illuminato dal Sole. Le analisi hanno determinato che la cometa si formata 4,5 miliardi di anni fa, con l'accumularsi di ghiaccio su polvere interstellare e che, dalla sua formazione, il nucleo rimasto sostanzialmente immutato. Del materiale espulso dalla 1P/Halley, l'80% del volume acqua, il 10% ossido di carbonio e il 2,5% un insieme di metano e ammoniaca. Sono state individuate tracce di idrocarburi, ferro e sodio. Il nucleo della cometa pi scuro della fuliggine, il che fa pensare che possa essere ricoperto da uno spesso strato di polvere. La quantit di materiale espulso dalla cometa era di circa 3 t per secondo dai sette getti. Lo spettrometro al plasma e agli ioni ha mostrato che Halley ha una superficie ricca di carbonio. Il rapporto delle quantit di elementi leggeri nella cometa, escluso l'azoto (ovvero idrogeno, carbonio, ossigeno) era la stesso di quello del Sole. Ci implica che i costituenti della cometa sono fra i pi antichi nel sistema solare.
. . .

EROS:
433 Eros uno degli asteroidi piu' conosciuti del sistema solare. Ha dimensioni di 34 x12 Km e la sua orbita lo porta periodicamente molto vicino al nostro pianeta. E' composto prevalentemente da silicati e anch'esso ha forma bilobata o simile ad un arachide. L' asteroide stato sudtiato nel 2000 dalla sonda della Nasa NEAR Shoemaker la quale riusci' ad atterrare con successo sulla sua superficie l'anno successivo.



. .. . . . .

LUTETIA:
Con 21 Lutetia entriamo nella categoria di asteroidi rilevanti, superiori a 100 Km di diametro. Questo asteroide stato analizzato nel dettaglio nel 2010 dalla sonda dell' ESA Rosetta. Le analisi di Lutetia rivelano un insolita composizione, tipica degli asteroidi metallici ma povera di metalli; Potrebbe essere un "planetismo", dunque un oggetto roccioso primordiale alla base della formazione di pianeti, asteroidi e del Systema Solare. Gli asteroidi e le comete che abbiamo analizzato fin ora spariscono se confrontate col grande asteroide Lutetia. Malgrado tutto, 21 Lutetia considerato un piccolo asteroide.


VESTA
4 Vesta considerato il piu' grande degli Asteroidi (avendo un diametro di 530 Km); Anche un asteroide come Lutetia diventa mediocre se confrontato con Vesta. E' un quasi sferoide oblato, non molto regolare e schiacciato a causa di due immensi crateri da impatto avvenuti nei pressi del suo Polo Sud, chiamati Rehasilvia e Venenia. Il vastissimo cratere Rheasilvia pari al 90% del diametro di Vesta, e al suo centro si eleva un impressionante picco di 22 Km di altezza, quindi una delle piu' alte montagne presenti nel sistema solare. Vesta orbita fra Marte e Giove, e le sue dimensioni e la sua superficie insolitamente brillante lo rendono l'asteroide in assoluto pi luminoso e talvolta l'unico visibile a occhio nudo da Terra. Vesta stata studiata dalla sonda NASA Dawn nel 2012 e completamente mappata.
. . .


CERERE FERDINANDEA( 1 CERES ):
Con 1 Ceres entriamo nella fine del mondo degli asteroidi e Comete, per entrare nella categoria di "Pianeti nani". Difatti, corpi celesti sferoidi, piu' grandi di 500 km e in equilibrio idrostatico sono da definirsi pianeti nani, come Plutone, Eris, Make Make e molti altri corpi della Fascia di Kuiper. Ceres oltretutto l'unico Pianeta Nano del sistema solare interno, orbitando fra Marte e Giove nella fascia degli asteroidi. Venne scoperto nel 1801 dall' astronomo italiano Giuseppe Piazzi, e per almeno mezzo secolo fu considerato il nuovo pianeta. Sottostime delle sue dimensioni indussero a definire Cerere come un "asteroide" per parecchio altro tempo, fino a quando, dopo le osservazioni dei primi del 2000, Ceres venne incluso nella classe dei pianeti nani avendo un diametro equatoriale di quasi 1000 Km per un area equivalente al grande Kazakhstan o ad Alaska, California e Texsas messi assieme.Con impazienza, aspettiamo l'arrivo della sonda della Nasa DAawn che dopo aver studiato e mappato l'asteroide gigante Vesta, sta viaggiando silenziosamente ed inesorabilmente verso questo sconosciuto piccolo Mondo.
Qui sotto ho pazientemente messo in scala Cerere e Vesta con tutti gli asteroidi visitati da sonde umane, non che 3 lune ghiacciate (Mimas, ,Miranda, Encelado), le due lune di Marte (Phobos & Deimos) e l' insolito asteroide-centauro Chariklo.
weblink

iNFINE, ho messo in scala, con davvero moolta pazienza, tutti i corpi principali del Systema Solare, pianeti, pianeti nani, Lune e asteroidi..

weblink


HOME- Visioni extrasolari

CONTATTI:
Daniele Bianchino - Bianchino.Daniele@hotmail.it